apr 3, 2012 - miscellanea    No Comments

i soprannomi iglesienti dal 1583 al 1800

I soprannomi iglesienti dal 1583 al 1800

Il soprannome è un appellativo, o epiteto, scherzoso, ironico, ingiurioso o malevolo, imposto ad una persona, ed aggiunto al nome e cognome della stessa, o in sostituzione di essi, che può derivare da caratteristiche e difetti fisici (lo Smilzo, il Guercino etc), dal luogo di nascita (il Tunisino, il Cinese), dall’attività esercitata (la Fornarina). Spesso il soprannome è poi diventato, sostituendolo, il cognome, oppure è entrato nell’asse ereditario per cui è diventato identificativo di un determinato ramo familiare. Ad Iglesias, alcune famiglie derivanti dallo stesso ceppo, vengono identificate con i soprannomi di su piu,  sa rana,  pitzalluta.

 In tempi a noi più vicini, con l’appellativo di Professore veniva identificato Luigi Pili, sempre con l’inseparabile bicicletta, e giravano i soprannomi di Piu ‘e sera, Sa gattu, Pappanappa, Listroni, Carronca, Costalongasa, e due facoltose e tirchie sorelle nubili venivano gratificate dell’appellativo di Piccioneddas de Pasca.

Anche nell’antica Roma al praenomen, nomen, cognomen, poteva aggiungersi un soprannome o agnomen: Publius (praenomen), Cornelius (nomen), Scipio (cognomen). Africanus (agnomen).

L’abitudine del soprannome, è quindi antica. Ad Iglesias ed in molti altri paesi della Sardegna, era consuetudine identificare le persone più con i soprannomi che con i cognomi. Ancora ad oggi, nel paese di Cabras, vicino ad Oristano, se si cerca una persona, occorre indicarne il soprannome, perché capita che col vero cognome anche il vicino di casa non sappia darvi indicazioni. Tipico è il caso di un carrozziere, noto come Su Pisu, la cui moglie è  Sa Pisessa, addetta alla cura degli affari economici della carrozzeria, con grande spazio pubblicitario nell’elenco telefonico sotto l’onorato epiteto.

Passeggiando fra le carte degli archivi iglesienti, ed in particolare nell’Archivio Storico Diocesano, mi sono imbattuto in diversi soprannomi, riportati negli atti di battesimo, di matrimonio e di morte, che elenco in ordine di antichità.

 

1583      Joa Pinna     alias    Atzamala

1587      Jo Cocody    alias     Buccalada

1605      Antiogo Deanna      alias     Corrus

              Antoni Pattery    alias     Maydedda  

1608       Antiogo Castay   alias   De is feminas  

1610      Antoni Puxarello    alias     Pisulino

1613      Pauli Asumnis     alias    Squadu

              Gontini Serra     alias      Sa daga

              Marco Craba      alias   Orgolesu

1616      Antiogo Fani     alias       Manderi

1618      Juan Serra     alias     Corropu

1620      Joan Curques     alias       De is feminas

1624      Juan Cani     alias     Argudurci

              Andria Gamba      alias       Currurjoni

1625      Antiogo Corbello      alias      Mustazzeddu

1626      Benito Pinna      alias    Carraxu

              Julian Caniga     alias    Peis de morus

1627       Julia Manca       alias    Curruxonj

               Julia Cau        alias       Borenoda

1628       Maria Lochy    alias     Crocoiguda

               Pere Sanna       alias     Bosincu

                Joan Cany       alias     Argudulci

1629       Joan Bruguita    alias   Paxello 

1634      Joan Devilla     alias    Pricochu    

1636      Juan Mereu     alias      Su capeddu

1647      Antiogo Fanuza   alias      Lindiri

1650      Juannello Serra     alias      Coyeddana

              Francisco Cani      alias      Pumpa

              Joan Cani       alias      Pralla

              Antiogo Maria Piliu      alias      Coxineri

1651      Joan Scartello      alias        Pista

1653      Gontini Cani      alias      Argudurci  

1656      Antiogo Figus     alias      Ziqueddu

1657      Juan Serra      alias      Badamatas

1660      Juanneddu Serra     alias      Mucosu

1661      Juan Cani     alias     Argudurci

1666      Antiogo Corbello     alias      Corcoriga

              Pere Mely    alias        Fragata

              Julia Pinna     alias     Paringianu

              Antony Loi     alias    Arquedda     

1669      Salvador Serra      alias      Sa mura

1670      Francisco Corbello     alias    Sa stoya

1674      Andrea Romita     alias     Culachudu

1678      Nicolau Pintus Olarjo      alias    Su ziu

1679      Antona Corbello      alias    Mustachu

1685      Juannello Corbello    alias    Mustazzeddu

              Antiogo Corbello       alias     Mustazzu

              Antiogo Pruna      alias     Macu

1687      Juaneddu lebiu     alias    Cocidu

              Francisco Escartello     alias    Corruxioni

1689      Nicolau Cani      alias      Sascaitu

1690      Nigola Mereu     alias    Conca de moru  

1697      Nicola Corbello    alias    Cantadory

1698      Antoni Escartello    alias      Pista

1699      Juan Pisano Pisti   alias     Sumbudu

1700      Salvador Maria Pisanu      alias    Feminedda

               Juan Lebio     alias      Caudu

1702      Antiogo Serra    alias     Mucosu

              Benito Massidda     alias      Su peli

              Benito Corbello    alias       Sa stoya 

1703      Francisco Cau Arcedi       alias      Massaqu

              Juan Corbello      alias    Corcoriga

              Benito Luxi    alias    Stiqueddu   

1704      Ellena Massa    alias      Mustachu

1709      Juan Antonio Massidda    alias   Piddicony

              Francisco Pinna Paringianu     alias      Casaca

1710      Nicolas Pinna      alias      Barbarachino

1713      Antonio Maria Cocody    alias      Pabasseri    

1715      Juan Escartello Erriu     alias       Carrogu

              Nicolas Serra    alias     Badamatas   

1716      Juan Pinna       alias       Frungidu

              Juan Sanna     alias     De is puddas

              Joseph Antiogo Sebis    alias     Su rey   

1719      Antoni Delalla Loddi Falchi     alias   Barraca

1721      Antonio Atzory     alias    Sa Ximia

              Antioga Concas     alias      Marraconedda

              Juaneddu Gambony Manay  alias  Abrusca crabus

1728      Joseph Lay    alias        Poabay

1730      Antiogo Serra    alias   Casixedda

1731      Antiogo Serra      alias      Marjani    

1733      Antiogo Pinna    alias     Barbaraxinu

              Salvador Delussu Cosa     alias     Quinedda

1734      Antiogo Usay     alias   Pimpira

              Antiogo Serra     alias     Ogueddu

1734      Thomas Layxello       alias     Pitzianady

              Jgnacio Corbello     alias   Sa stoya      

1736      Salvador Serra    alias      Badamatas

              Antiogo Serra    alias       Segarigasu

              Juan Baptista Lampis     alias    Santorum

              Antiogo Vacca    alias       Surdu 

1737      Francisco Azara     alias    Mala carçeta

1739      Antonio Serra    alias     Sa bira

1740      Antonio Piras     alias   Samugueo

1742      Juan Cannas      alias       Murtinu

              Pedro Cau     alias       Sa porchina

              Antonio Maria Seris    alias      Barrilotu 

1743      Antonio Escano       alias        Pirota

1744      Maria Antonio Mura      alias   Pirota

              Ivan Saruy    alias           Baloy

              Francisco Cossu       alias      Porcu

1749      Juan Baptista Melis Spada    alias     Marigosu

1758      Antonio Serra    alias      Baingiu

1762      Antiogo Pinna     alias    Frungidu

1763      Francisco Serra      alias       Su surbiu

1765      Francisco Pilicu     alias    Arengara   

1767      Juan Maria Layxello     alias     Pichianady

1768      Nicolas Manca      alias      Montau

1779      Moncerrate Uras     alias    Pimpiredda

1781      Pedro Picareddu     alias      Nolopico

1784      Sebastian Machony    alias         Bivitu

1788      Francisco Antonio Nonis     alias   Buttilla

1789      Antonio Deana    alias      Su Fiascu 

1791      Luisa Sabira     alias          Pirota 

1795      Leonardo Arai       alias           Farai 

1801      Juan Maria Bernardino    alias     Sa lepa

1803      Salvatore Pani     alias   Travoddu

1817      Antioco Pinna      alias        Benibeniu

1850      Antioco Melis    alias         Differenti

1864      Francesco Satta     alias        Baddazzu

              Vincenzo Nurchis    alias       Carlitus

1867      Antonio Piras     alias      Concapudda

              Nicola Dessì      alias     Su meurreddu    

1869      Giuseppe Melis   alias         Cagafà 

 

 

 

                                        

 

 

feb 24, 2009 - miscellanea    4 Comments

Il carnevale di Iglesias: tre cose da rivedere

 

L’etimologia del termine carnevale deriva dall’espressione latina carne vale, che si può tradurre con addio carne. Anche in diversi documenti d’archivio redatti in lingua catalana si legge carnes toltas, ad indicare l’inizio della Quaresima e la conseguente proibizione ecclesiastica al consumo della carne e l’inizio del digiuno penitenziale in attesa della Pasqua di Resurrezione. Il periodo carnevalesco è quello che da sempre è caratterizzato sia da divertimenti di diversa natura che dal consumo di particolari alimenti tipici, ed in qualche modo esclusivi del tempo.

I divertimenti

    Fra i divertimenti, oltre ai balli che si tenevano sia in piazza, sia nelle case private e nei circoli, spicca quello della mascherata, che consente di occultare la propria fisionomia e di mettere in pratica scherzi più o meno pesanti sotto la copertura dell’anonimato. Secondo quanto riportato dall’Angius, agli inizi del 1800 ad Iglesias si praticava il lancio delle arance, come ancora oggi si fa ad Ivrea. Nella documentazione d’archivio non ho trovato alcuna traccia di quanto affermato dal canonico Angius, mentre abbondano le tracce della corse a cavallo che ogni anno venivano effettuate all’interno della città, specie nell’attuale via Repubblica, ed un particolare tipo di lancio, ma non di arance. Il 10 marzo 1848 (anno molto prossimo al racconto Angius) il Regio Vicario di Polizia Don Costantino Rodriguez, segnalava al Vicerè che nei tre giorni di carnevale una clamorosa riunione di persone dilettavansi nel gittare su qualunque soggetto, senza distinzione di ceto, di condizione e di carattere, fiore di stuoja, cruscone e ceneri, compromettendo il buon ordine della città e facendo nascere anche delle risse colla truppa qui stanziata, e nel terzo giorno ingrossò talmente l’adunata che contava da 500 e più persone, tra le quali si vedevano anche Cavalieri, Notai ed altri Signori, e si ebbe qualche disordine nelle case di vari particolari alle quali recavasi la moltitudine per costringere i padroni di casa ad unirsi seco loro.

I cibi

     Fra i cibi, in particolare spiccano le zìpole. Di questi tempi trovo sempre più spesso dei cartelli con la scritta zèppole, termine napoletano ma non sardo e ancor meno iglesiente. Il termine corretto è zìpola, che poi, per il vezzo o vizio di raddoppiare le consonanti, è diventato zìppola. Etimologicamente deriva dal latino tardo medioevale zipula / zipulae.  La sua forma lunga e cilindrica richiama lo zipolo, che è il pezzetto di legno cilindrico che viene adoperato per turare il buco delle botti. Sia Vincenzo Raimondo Porru che il Canonico Giovanni Spano riportano il termine zipola, con una sola p  e con la i. Nel vocabolario Devoto-Oli è riportato il termine zèppola = ciambella e pasticcini di varia composizione tradizionali a Napoli e in Abruzzo e Calabria. Ma noi siamo in Sardegna e ad Iglesias diciamo zìpola. Anche Max Leopold Wagner riporta il termine sardo tsippula, e precisa: siciliano e calabrese zìppula; napoletano e irpino zèppola; abruzzese zèppele. Chiarito il tutto e precisato che non mangio zìpole da quando avevo sette anni a seguito di una indigestione, altri dolci carnevaleschi sono le meraviglie, altrimenti note anche come chiacchiere o anche mazzafruxias se ripiene di crema, e i raviolini fritti ripieni di pasta di mandorle, questi da me molto graditi.

Le maschere

    Altra innovazione che si sta introducendo ad Iglesias è quella di voler far diventare Norfieddu una maschera. Norfieddu è un fantoccio, che viene destinato al rogo al finire del carnevale, e non una maschera che possa essere ancestrale, contemporanea, moderna, più giovane o più anziana, come contrabbandato da un pieghevole distribuito in questi giorni e purtroppo sponsorizzato dal Comune. Norfieddu è l’alter ego del Carraxiali cagliaritano e di Re Zolzi tempiese o bosano. È il carnevale che muore, e muore sacrificato sul rogo. Le maschere, siano esse gli Zorro, i Pulcinella, gli Arlecchino, la cameriera o sa gattu,  continuano a vivere, a dispetto di chi vuole stravolgere le tradizioni.

feb 13, 2009 - Senza categoria    No Comments

Germani del Santo Monte


Fasi della cerimonia di vestizione e consacrazione di un Germano

feb 13, 2009 - Senza categoria    No Comments

La Settimana Santa ad Iglesias (vedi il post)


Simulacri e momenti delle processioni della Settimana Santa iglesiente

nov 8, 2008 - miscellanea    4 Comments

I Capi Giurati e Sindaci della Città di Iglesias dal 1500 ai giorni nostri

 

      La Città di Iglesias, l’antica Villa di Chiesa,  nel corso della sua storia ha più volte cambiato tipo di amministrazione. Sotto la dominazione pisana la città era governata da un Capitano, da due Rettori, da un Giudice, da diversi Notai e da un Camerlengo che reggeva l’amministrazione finanziaria. Tutti questi funzionari venivano eletti dagli Anziani del Popolo di Pisa, scelti da sedici elettori, quattro per ogni quartiere pisano. 
         In epoca aragonese era retta da due organismi; un Consiglio Particolare, formato da cinque Giurati, ed un Consiglio Generale formato da trentadue Consiglieri o prohombres ( probi uomini). Sopra tutti stava l’autorità regia rappresentata dal Capitano di Giustizia.
         Ad ognuno dei due organismi si aveva accesso per censo.
         Il primo era in genere riservato ai nobili ed ai cosiddetti ciudadani (cittadini), mentre il secondo era accessibile, oltre che ai nobili e ai ciudadani, anche agli artigiani che avessero conseguito la specializzazione nel proprio settore e superato l’esame previsto dai vari gremi.
         In base al grado, all’età e alla data di iscrizione o immatricolazione del nominativo, venivano riempite cinque diverse borse con dei rotolini di pergamena contenenti i nomi degli eleggibili e sigillate con i sigilli della Capitanìa e della Città.   
         Da ognuna, il 30 di novembre, festività di Sant’Andrea Apostolo, veniva fatta l’estrazione de sac y de sort ( dal sacco e per sorteggio) dei nuovi consiglieri. Dalla prima borsa veniva estratto il Giurato Capo, dalla seconda il Giurato Secondo e così via fino al Giurato Quinto. Il passaggio del nominativo da una borsa all’altra avveniva per sostituire i consiglieri defunti o per anzianità di iscrizione.
         La durata dell’incarico era annuale.
         L’esito del sorteggio veniva comunicato a tutte le autorità civili e religiose e alle altre città regie della Sardegna con apposita lettera.
         In base ai privilegi concessi dai regnanti aragonesi, il Giurato Capo poteva sostituire anche il Capitano di Giustizia in assenza o malattia di quest’ultimo, e la sostituzione poteva essere fatta anche dagli altri Giurati in assenza del Giurato Capo.[1]
         I cinque nuovi eletti, dopo l’estrazione dei loro nominativi, indossata la toga e la parrucca di capelli veri e di colore nero[2], si recavano nella Cattedrale di Santa Chiara per giurare, baciando e toccando il Vangelo aperto su un leggìo appositamente sistemato sopra l’altare maggiore, fedeltà al re, di ben operare per la salvaguardia del benessere della Città, nel rispetto del Breve, legge municipale.
         È da tenere presente che, contrariamente a quanto spesso è stato affermato anche da studiosi di chiara fama, il Breve di Villa di Chiesa era in vigore certamente fino al 26 di marzo 1767, come risulta da un atto di “arrendamento” (appalto) del Salto del Cixerro fatto in base alla disposizione “del Capitulo de Breu ley municipal”.[3] Inoltre, è da tenere in conto che fino al 1836,[4] nel giuramento dei Consiglieri, veniva fatto espresso riferimento al Breve, anche se non veniva più citato come legge municipale, recitando nella formula l’espressione “osservare tutti li privileggi, capitoli di Corte e Breve”.
          Dopo aver giurato nella Cattedrale, i Consiglieri eletti si recavano nella casa di città e prendevano possesso delle tre chiavi che chiudevano il cassone dove erano custodite le borse ed i sacchi contenenti i nomi delle persone eleggibili alle diverse cariche, e davanti al Capitano di Giustizia, massima autorità della Città, giuravano di ben custodire per tutta la durata del loro mandato le chiavi ed il cassone col suo contenuto.
        Con editto del 24 settembre 1771, i Savoia decidevano di eliminare due delle tre borse, e stabilivano il travaso dei nomi degli eleggendi dall’una all’altra borsa, sempre tenendo conto del censo, dell’età e della data di immatricolazione, riducendo quindi il numero dei Consiglieri a tre. Anche la data dell’estrazione subiva un cambiamento, e la carica partiva dal primo di gennaio di ogni anno e non più dal 30 novembre.
         Bisogna arrivare al 1836 per vedere sostituito il titolo di Giurato capo con quello di Sindaco, ed al 1850 per trovare l’incarico annuale sostituito da quello triennale.
         Purtroppo l’elenco che segue non è completo perché mancano molti documenti e registri. Serve, comunque, per documentazione futura con la possibilità di completare il lavoro qualora da altre fonti si potessero rilevare i nominativi.
                                                    
                                    CAPI GIURATI E SINDACI
1517   ANTIOGO SERRA


1562    SEBASTIANO CANIELLES
 
1566    GIOVANNI MAXONI
1567    ANTIOCO CANI
1568     MICHELE SERRA
1569     ANTIOCO CANI
 
1571     JUAN TUPONI
1572     NICOLAU CANY BACALLAR
1573     NICOLAU CANJ Major
1574     SALVADOR SERRA
1575     ANTONI TUPONI
1576     FRANCISCO SERIS
1577     ANTONI SIRVENT
1578     ANTONI SERRA
1579     ANTIOGO LOTXI
1580     ANTONI SERRA
1581     NICOLAO CANI Major
1582     NICOLAU CANY Major    
1583     MIQUEL SERRA
1584     SALVADOR SERRA Major
1585     NICOLAU CANY BACALLAR
1586     NICOLAU CANY Major
1587     MIQUEL SERRA
1588
1589     JOAN SERRA
1590     NICOLAU CANY BACALLAR
1591     ANTIOGO CANJ
1592     NICOLAU CANY BACALLAR
1593     ANTONI LEU
1594
1595
1596     JOAN SERRA
1597
1598
1599    JOAN SERRA
1600    PERE FRANCISCO BERTHOMEU SERRA
1601
1602
1603
1604    LLORENZ SALAZAR
1605
1606    PERE SALAZAR
1607    LLORENZ SALAZAR 
1608
1609
1610    ANDREU MELY
1611    NICOLAU CANY BACALLAR
1612    LLORENZ SALAZAR
1613    NICOLAU SCARXONI MAJOR
1614   JUAN ANTONY SERRA
1615   NICOLAU CANY BACALLAR
1616   PERE SALAZAR
1617   ANTIOGO MELY CAU
1618   MIQUEL ANGEL SERRA
1619   JOAN ORTU
1620   ANTIOGO FIGUS
1621   ANDREU MELY
1622   JOAN ANTONI SERRA  
1623   ANTIOGO PASSIU PORXELLA
1624   ANTIOGO SERRA
1625   ANDREU MELLY
1626   PERE SCARXONI
1627   ANTIOGO FIGUS
1628   GYERONI SALAZAR
1629   HYERONI CALABRES Y GUISO
1630   FRANCISCO CANY MATXONI
1631   JOAN BAPTISTA CARTA
1632   DOTT. FRANCISCO BALIA
1633   DON SALVADOR PIXI
1634   NICOLAU SCARXONI
1635   PERE DE SALAZAR
1636   FRANCISCO CANI MATXONI
1637   NICOLAU SCARXONI ANGEI
1638   NICOLAU SCARXONI COCODY
1639   DON LUIS DESPINOSA
1640   DR. FRANCISCO BALIA
1641   NICOLAU SCARXONJ COCODY
1642   ANTIOGO FIGUS
1643   ANTIOGO FIGUS
1644   DR. FRANCISCO BALIA
1645   DR. SALVADOR PIXI Y SERRA
1646   DON LUIS DESPINOSA
1647   DON GAVINO TOLA
1648   ANTIOGO BRUGUITTA Menor
1649   DON ANTIOGO SALAZAR
1650   NICOLAU SCARXONI COCODY
1651   FRANCISCO MELY MASSA
1652   DOTT. FRANCISCO BALIA
1653   NICOLAU SCARCHONI ANGEY
1654   DON ANTIOGO DE SALAZAR
1655   DON ANTIOGO DE SALAZAR
1656   DON ANTIOGO DE SALAZAR[5]
1657   THOMAS SERRA OTGER
1658   DON CARLOS DESPINOSA
1659   FRANCISCO MELY MASSA
1660   THOMAS SERRA OTGER
1661   DON CARLOS DESPINOSA
1662   DON GAVI DE SALAZAR
1663   THOMAS SERRA OTGER
1664   DON CARLOS DESPINOSA
1665   DON GAVI SALAZAR
1666   DON NICOLAS DESPINOSA
1667   DON NICOLAS DESPINOSA
1668   DON NICOLAS DESPINOSA
1669   DON JOSEPH PINTUS Y SOLER
1670   THOMAS SERRA OTGER
1671   DON JOSEPH CORRIA Y TOLA
1672   DON NICOLAS DESPINOSA
1673   THOMAS SERRA OTGER
1674   DON  JOSEPH CORRIA Y TOLA
1675   DON ANTIOGO  DESPINOSA
1676   DON NICOLAS  DESPINOSA
1677   THOMAS PULLO
1678   THOMAS PULLO
1679   FRANCISCO FIGUS
1680   JOSEPH CORRIA Y TOLA
1681   JUAN ANTONI MURRONY
1682   DON NICOLAS  DESPINOSA
1683   ANTIOGO MACHONY
1684   FRANCISCO FIGUS
1685   THOMAS PULLO
1686   DON JORDI DELA MATTA
1687   DON IGNACI  DESPINOSA
1688   DON IGNACI  DESPINOSA
1689   DON IGNACI  DESPINOSA
1690   DON JORDI DELA MATTA
1691   DON ANTIOGO DESPINOSA
1692
1693
1694
1695
1696  DON LUIS PINTUS Y CANI
1697
1698  JOSEPH CORRIA Y NATTER
1699  JOSEPH CORRIA Y NATTER
1700  DON JOSEPH CORRIA Y NATER
1701  DON IGNACI  DESPINOSA
1702  LUIS PINTUS Y CANY    
1703  THOMAS PULLO  
1704  DON JOSEPH CORRIA Y NATER
1705  DON IGNACI  DESPINOSA
1706  THOMAS PULLO
1707  DON LUIS PINTUS Y CANY
1708  DON IGNACI  DESPINOSA
1709  DON DEMETRIO PINTUS Y CANY
1710  DON LUJS PINTU Y CANY
1711  DON IGNACI  DESPINOSA 
1712  DON IGNACIO PULLO Y DEROMA
1713  DON DEMETRIO PINTUS Y CANY
1714  DON JOSEPH CORRIA Y NATER
1715  DON LUIS PINTUS Y CANY
1716  DON JUAN MARIA SAVONA
1717  DON DEMETRIO PINTUS Y CANY
1718  DON DEMETRIO PINTUS Y CANY
1719  DON AGUSTY SALAZAR Y TORRELLAS
1720  DON AGUSTY SALAZAR Y TORRELLAS
1721  DON JUAN MARIA SAVONA
1722  DON IGNACIO PULLO Y DEROMA
1723  DON DEMETRIO PINTUS Y CANY
1724  DON DEMETRIO PINTUS Y CANY
1725  DON IGNACIO PULLO Y DEROMA
1726  DON HILARIO DESPINOSA
1727  DON AGUSTY SALAZAR Y TORRELLAS
1728  DON IGNACIO PULLO Y DEROMA
1729  DON HILARIO DESPINOSA
1730  JUAN THOMAS SOLER Y PULLO
1731  JUAN THOMAS SOLER Y PULLO
1732  DON HILARIO DE ESPINOSA
1733  DON ANTONIO ROIG
1734  DON AGUSTI SALAZAR Y TORRELLAS
1735  DON PEDRO USAY SANJUST
1736  DON IGNACIO PULLO Y DEROMA
1737  DON JUAN SOLER
1738  DON AGUSTY SALAZAR Y TORRELLAS
1739  DON GAVINO SALAZAR
1740  DON HILARIO DESPINOSA
1741  DON FRANCISCO CANELLES
1742  DON PEDRO USAY SANJUST
1743  DOTT. JUSEPH ANTONIO DEIDDA
1744  DON JOSEPH PINTUS Y SALAZAR
1745  DON FRANCISCO CANELLES
1746  DON HILARIO DE ESPINOSA
1747  DON MANUEL ANGIOY
1748  DON JUAN THOMAS SOLER
1749  DON ANTIOGO CORRIA
1750  DON FRANCISCO CANELLES
1751  DON JOSEPH PINTUS Y SALAZAR
1752  DOTT. JOSEPH ANTONIO DEYDDA
1753  DON HILARIO DESPINOSA
1754  DON PEDRO USAY SANJUST
1755  DON FRANCISCO USAY
1756  DON MANUEL ANGIOY
1757  DON PEDRO USAY SANJUST
1758  DON FRANCISCO USAY SANJUST
1759  DON JOSEPH PINTUS Y SALAZAR
1760  DON MANUEL ANGIOY CATHALAN
1761  DON FRANCISCO USAY
1762  DON FRANCISCO CANELLES
1763  DON JOSEPH PINTUS Y OTGER
1764  DON NICOLAS DE ESPINOSA
1765  DON JAYME BARRER SISTERNES
1766  DON FRANCISCO USAY
1767  DON JOSEPH PINTUS Y OTGER
1768  DON FRANCISCO CANELLES
1769  DOTT. ANTONIO QUESSA
1770  DON MANUEL ANGIOY CATHALAN
1771  DOTT. GREGORIO SALAZAR
1772  DON MANUEL ANGIOY CATHALAN
1773  DON NICOLAS DESPINOSA
1774  DOTT. GREGORIO SALAZAR
1775  DON JUAN ROIG
1776  DR. ANTONIO VICENTE CARTA LOCHY
1777  DR. JAYME ARTEA GARRUCHO
1778  DOTT. NICOLAS QUESSA
1779  DOTT. ANTONIO PABIS
1780  DOTT. ANTIOCO LUXI
1781  DOTT. PASQUALE RODRIGUES
1782  DOTT. VICENTE DEIDDA
1783  DOTT. NICOLAS QUESSA
1784  DOTT. ANTONIO PABIS
1785  DOTT. ANTONIO OTGER
1786  DOTT. SALVADOR MARIA PINNA
1787  DOTT. PASQUALE RODRIGUES
1788  DOTT. ANTONIO DOMINGO COSSU
1789  DOTT. VICENTE DEIDDA
1790  DOTT. NICOLAS CORRIA
1791  DOTT. NICOLAS QUESSA
1792  DOTT. ANTONIO PABIS
1793  DOTT. ANTONIO OTGER
1794  DR. SALVATORE MARIA PINNA
1795  NOTAIO NICOLÒ LEO
1796  AVV. DOMENICO COSSU
1796  dal 1° maggio Dr. NICOLÒ CORRIA
1797  DOTT. GIUSEPPE ANTONIO DEPAU
1798  AVV. NICOLÒ GUESSA
1799  DR. ANTONIO PABIS
1800  DON GIUSEPPE MARIA USAI
1801  DON ANTONIO OTGER
1802  DOTT. SALVATORE PINNA
1803  AVV. PASQUALE RODRIGUES
1804  AVV. DOMENICO COSSU
1805  AVV. PIETRO ANGIOI PULLO
1806  AVV. NICOLÒ QUESSA
1807  AVV. NICOLÒ QUESSA
1808  DON VINCENZO CORRIA
1809  DON GIOVANNI LUIGI CANNAS
1810  DON PIETRO USAI
1811  DON VINCENZO CORRIA
1812  AVV. NICOLÒ LUIGI LEO
1813  DON PIETRO USAI
1814  DOTT. ANTIOCO FONTANA
1815  DON ERMENEGILDO RODRIGUES
1816  DON VINCENZO CORRIA
1817  AVV. NICOLÒ LEO
1818  DOTT. ANTIOCO FONTANA
1819  DON ERMENEGILDO RODRIGUES
1820  DON VINCENZO CORRIA
1821  AVV. NICOLÒ LEO
1822  AVV. DON ANTIOCO CORRIA
1823  AVV. EMMANUELE PASELLA
1824  AVV. EFISIO RAVOT
1825  DOTT. ANTIOCO FONTANA
1826  DON ERMENEGILDO RODRIGUES
1827  DON PIETRO ANGIOY USAJ
1828  AVV. NICOLÒ LEO
1829  AVV. EMMANUELE PASELLA
1830  AVV. EFISIO RAVOT
1831  DOTT. ANTIOCO FONTANA
1832  DON ERMENEGILDO RODRIGUES
1833  DOTT. EFISIO TANAS
1834  DON PIETRO ANGIOY USAJ[6]
1835  AVV. NICOLÒ LEO[7]
1836  AVV. NICOLÒ LEO
1837  DON PIETRO ANGIOY CANELLES
1838  AVV. EMANUELE PASELLA
1839  AVV. NICOLÒ LEO
1840  NOTAIO ANTIOCO LUIGI SOTGIU
1841  DR. DISMA MULAS
1842  DR. EFISIO CORRIA
1843  DR. EFISIO CORRIA
1844  DON ANTIOCO GIUSEPPE ANGIOJ

1845  DON COSTANTINO RODRIGUEZ

1846  NOTAIO PASQUALE PINTUS

1847  NOTAIO NICOLÒ LEO

1848  DOTT. EFISIO TANAS

1849  NOTAIO EMANUELE MARCELLO

1849  dal mese di maggio DON COSTANTINO RODRIGUEZ

1850  DON COSTANTINO RODRIGUEZ

1852  DON COSTANTINO RODRIGUEZ

1853  DON FERDINANDO RODRIGUEZ

1854  DON FERDINANDO RODRIGUEZ

1855  DON FERDINANDO RODRIGUEZ

1855  dal 5/10 EFISIO PERPIGNANO

1856  fino al 21/3 EFISIO PERPIGNANO

1856  DAL 22/3 NOT. ANTIOCO LUIGI SOTGIU                      

1857  NOTAIO ANTIOCO LUIGI SOTGIU

1858  NOTAIO ANTIOCO LUIGI SOTGIU

1859  EFISIO PERPIGNANO

1860  EFISIO PERPIGNANO

1861  EFISIO PERPIGNANO

1862  EFISIO PERPIGNANO

1863  ANTONIO MELIS LEO

1864  ANTONIO MELIS LEO

1865  ANTONIO MELIS LEO

1866  EFISIO PERPIGNANO[8]

1867  EFISIO PERPIGNANO

1868  EFISIO PERPIGNANO

1869  Avv. NICOLÒ NONNIS ALTEA

1870  Avv. NICOLÒ NONNIS ALTEA

1871  Avv. NICOLÒ NONNIS ALTEA

1872  da aprile Regio Delegato Straordinario FRANCESCO FRAU

1873  SOLO FACENTI FUNZIONI (Angius, Angioy, Nonnis Altea)

1874  SOLO FACENTI FUNZIONI

1875  dal 15 ottobre NICOLÒ NONNIS ALTEA

1876  fino a giugno NICOLÒ NONNIS ALTEA da Dicembre  ING. ANGELO PERPIGNANO

1877  fino a settembre ING. ANGELO PERPIGNANO poi Regio Delegato Straordinario AVV. LUIGI GARAU

1878  ANTONIO MELIS LEO

1879  ANTONIO MELIS LEO

1880  ANTONIO MELIS LEO

1881  fino a maggio ANTONIO MELIS LEO  poi EMANUELE LEO

1882  DOTT. EMANUELE LEO

1883  DOTT. EMANUELE LEO fino al 13 agosto poi facente funzioni DOTT. EMANUELE PASELLA

1884  dal 15 maggio AVV. PIETRO ANGIUS

1885  AVV. CAV. PIETRO ANGIUS

1886  AVV. CAV. PIETRO ANGIU

1887  AVV. CAV. PIETRO ANGIUS

1888  AVV. CAV. PIETRO ANGIUS

1889  AVV. CAV. PIETRO ANGIUS fino a metà novembre, poi Cav. ENRICO RODRIGUEZ

1890  Cav. ENRICO RODRIGUEZ fino al 20 luglio poi Ing. ANGELO PERPIGNANO

1891  ING. ANGELO PERPIGNANO fino al 10 settembre poi Cav. GIUSEPPE MARCELLO

1892  Cav. GIUSEPPE MARCELLO

1893  Cav. GIUSEPPE MARCELLO

1894  Cav. GIUSEPPE MARCELLO

1895  Cav. GIUSEPPE MARCELLO fino al 15 maggio, poi Ing. ANGELO PERPIGNANO

1896   ING. ANGELO PERPIGNANO

1897  ING. ANGELO PERPIGNANO

1898  ING. ANGELO PERPIGNANO

1899  ING. ANGELO PERPIGNANO fino al 14 ottobre, poi CAV. PIETRO FONTANA

1900  CAV. PIETRO FONTANA

1901  CAV. PIETRO FONTANA

1902  CAV. PIETRO FONTANA fino alla fine di ottobre poi CAV. GIUSEPPE MARCELLO

1903  CAV. GIUSEPPE MARCELLO

1904  Regio Commissario Avv.  EMILIO FERRAGNI Fino ad agosto poi Cav. Avv. PIETRO ANGIUS fino al 18 novembre, poi Cav.  FRANCESCO MELIS MAMELI

1905  CAV. FRANCESCO MELIS MAMELI

1906  CAV. FRANCESCO MELIS MAMELI fino al 27 agosto 1906 per dimissioni, poi Dott. STANISLAO BRUERA che rifiuta l’elezione. Dal 5 settembre Commissario Prefettizio Dott. LUIGI MENICHELLI. Dal 8 novembre Cav.FRANCESCO MELIS MAMELI

1907  CAV. FRANCESCO MELIS MAMELI fino al 24 settembre, poi CAV. PIETRO FONTANA

1908  CAV. PIETRO FONTANA

1909  CAV. PIETRO FONTANA

1910  CAV. PIETRO FONTANA

1911  CAV. PIETRO FONTANA

1912  CAV. PIETRO FONTANA

1913  Commissario Regio Avv. GIUSEPPE MANNO fino al 13  agosto,

             poi AVV. ATTILIOATZENIche rinuncia. Poi Cav.Uff.PAOLO BOLDETTI

1914  CAV. UFF. PAOLO BOLDETTI fino al 14 luglio, poi Commissario Prefettizio Avv.MICHELE CALVIA, poi dal 8 luglio Dott.           ANGELO CORSI   

1915  DOTT. ANGELO CORSI

1916  DOTT. ANGELO CORSI

1917  DOTT. ANGELO CORSI

1918  DOTT. ANGELO CORSI

1919  DOTT. ANGELO CORFSI

1920  DOTT. ANGELO CORSI

1921  DOTT. ANGELO CORSI, poi dal 11 luglio Dott. RUGGERO PINTUS

1922  DOTT. RUGGERO PINTUS, poi dal 22 dicembre Commissario Prefettizio Dott. FRANCESCO SANTJUST

1923   Comm. Prefett. Avv. ASCANIO DI GIURA, poi dal 23 maggio Dott. FRANCESCO SANJUST

1924   Comm. Prefett.  AVV. ASCANIO DI GIURA, poi dal 28 giugno Comm. Prefett. Dott.VITALE CAO. Dal 3 settembre Commissario               Temporaneo Cav. GUIDO OTTELLI

1925   Commiss.  Prefett. Cav. GUIDO OTTELLI

1926   Commiss. Prefett. Cav. GUIDO OTTELLI, poi dal 28 marzo Comm. Prefett. Avv. VINCENZO MURRONI

1927   Comm. Prefett. Avv. VINCENZO MURRONI, poi dal 30 marzo Podestà Rag. VITALE PIGA

1928   Podestà Rag. VITALE PIGA

1929   Podestà Rag. VITALE PIGA

1930   Podestà Rag. VIRALE PIGA, poi dal 19 settembre Comm. Prefett. Sig.  ANTONIO SANNA. Dal 8 novembre Podestà Rag.            VITALE PIGA

1931   Podestà Rag. VITALE PIGA, poi dal 7 marzo Comm. Prefett. Avv. GIUSEPPE LACONI, dal 20giugno Sig.  FRANCESCO   PERROTTI

1932   Comm. Prefett. Sig. FRANCESCO PERROTTI

1933   Comm. Prefett. FRANCESCO PERROTTI

1934   Comm. Prefett. FRANCESCO PERROTTI. Dal 17 febbraio Comm. Prefett. Cav. Uff. Dott. OVIDIO PITZURRA. Dal 22               giugno Podestà Ing. GIUSEPPE RODRIGUEZ

1935   Podestà Ing. GIUSEPPE RODRIGUEZ

1936   Podestà Ing. GIUSEPPE RODRIGUEZ

1937   Podestà Ing. GIUSEPPE RODRIGUEZ

1938   Podestà Ing. GIUSEPPE RODRIGUEZ . Poi dal 25 agosto Podestà Dott. PIETRO TUVERI

1939  Podestà Dott. PIETRO TUVERI

1940  Podestà Dott. PIETRO TUVERI

1941  Podestà Dott. PIETRO TUVERI

1942  Podestà Dott. PIETRO TUVERI, poi dal 12 febbraio Comm. Prefett. Sig. CARLO VALLI. Dal 17 aprile Podestà Dott.           PIETRO TUVERI. Dal 11 giugno Comm.Prefett. Sig. CARLO VALLI. Dal 28 luglio  Comm. Prefett. Commendatore Dott.           SALVATORE PILIA. Dal 26 settembre  Comm. Prefett. Rag. ONOFRIO FIGLIOLA. Dal 15 ottobre Comm. Prefett. Cav. Rag GIOVANNI FRONTELLO

1943   Comm. Prefett. Cav. Rag. GIOVANNI FRONTELLO, dal 27 maggio Rag. GIUSEPPE PEDDIS, dal 2 luglio Ing.            AMILCARE TRONCI, dal 30 ottobre Geom.CARLO MELONI

1944   GEOM CARLO MELONI, che viene eletto Sindaco il 26 aprile 1944

1945   GEOM. CARLO MELONI

1946   GEOM CARLO MELONI

1947   GEOM. CARLO MELONI

1948   GEOM. CARLO MELONI   

1949   GEOM. CARLO MELONI, FINO AL 21 settembre, poi DOTT. RUGGERO PINTUS

1950   DOTT. RUGGERO PINTUS

1951   DOTT. RUGGERO PINTUS

1952   DOTT. RUGGERO PINTUS, fino al 13 maggio, poi Comm. Pref.  Rag. ANTONIO ISOLA fino al 14 giugno, poi Sindaco Prof. GIUSEPPE TOCCO

1953   PROF. GIUSEPPE TOCCO

1954   PROF. GIUSEPPE TOCCO

1955   PROF. GIUSEPPE TOCCO

1956   PROF. GIUSEPPE TOCCO, fino al 24 luglio, poi Comm Prefett. ONOFRIO GALLETTI, e dal 24 ottobre Comm. Straordinario Dott. ENRICO PARODI

1957   Comm. Straordinario Dott. ENRICO PARODI, dal 26 maggio Sindaco PROF. GIUSEPPE TOCCO

1958   PROF. GIUSEPPE TOCCO, poi dal 29 Luglio DOTT. PIETRO SARAGAT fino al 14 novembre, poi Comm. Prefett. DOTT.            ENRICO  PARODI

1959   Comm. Straordinario DOTT. ENRICO PARODI

1960   Comm. Straordinario DOTT. ENRICO PARODI

1961   DOTT. ARMANDO CONGIU fino al 26 giugno, poi SIG. GIUSEPPE COLIA

1962   SIG. GIUSEPPE COLIA

1963   SIG. GIUSEPPE COLIA

1964    SIG. GIUSEPPE COLIA

1965   DOTT. PIETRO SARAGAT

1966   DOTT. PIETRO SARAGAT

1967   DOTT. PIETRO SARAGAT fino al 8 settembre, poi GEOM CARLO MELONI

1968   GEOM. CARLO MELONI, fino al 20 Novembre, poi SIG. GIUSEPPE COLIA

1969   SIG. GIUSEPPE COLIA

1970   SIG. GIUSEPPE COLIA

1971   SIG. GIUSEPPE COLIA

1972    SIG. GIUSEPPE COLIA

1973    SIG. GIUSEPPE COLIA

1974    SIG. GIUSEPPE COLIA

1975    SIG. GIUSEPPE COLIA fino al luglio, poi SIG. PIETRO PIBIRI fino a 22 dicembre poi AVV. VITTORIO VALENTI 1976    AVV. VITTORIO VALENTI

1977    AVV. VITTORIO VALENTI

1978   AVV. VITTORIO VALENTI

1979    AVV. VITTORIO VALENTI

1980    AVV. VITTORIO VALENTI, poi dal 31 luglio SIG. PAOLO FOGU

1981    SIG. PAOLO FOGU

1982    SIG. PAOLO FOGU

1983    SIG. PAOLO FOGU

1984    SIG. PAOLO FOGU

1985    SIG. PAOLO FOGU

1986    SIG. PAOLO FOGU

1987    SIG. PAOLO FOGU fino al 29 luglio poi SIG. IVO PINNA

1988    SIG. IVO PINNA

1989    SIG. IVO PINNA

1990    SIG. IVO PINNA, poi dal 15 giugno DOTT. BRUNO PISSARD

1991    DOTT. BRUNO PISSARD

1992    DOTT. BRUNO PISSARD, poi dal 4 novembre  AVV. FRANCESCO MACIS

1993    AVV. FRANCESCO MACIS, poi dal 1°Agosto Comm. Prefett.  DOTT. GIORGIO FADDA, poi dal 15 dicembre SINDACO                MAURO PILI

1994    SIG. MAURO PILI

1995    SIG. MAURO PILI

1996    SIG. MAURO PILI

1997    SIG. MAURO PILI

1998    SIG. MAURO PILI

1999    SIG. MAURO PILI, poi dal 8 settembre Comm. Prefett. DOTT. ANDREINA FARRIS

2000    Comm. Prefett. DOTT. ANDREINA FARRIS, poi dal 18 aprile SINDACO RAG. PAOLO COLLU

2001    RAG. PAOLO COLLU

2002    RAG. PAOLO COLLU

2003    RAG. PAOLO COLLU

2004    RAG. PAOLO COLLU

2005    RAG. PAOLO COLLU, poi dal 13 giugno

2006     SIG. PIERLUIGI CARTA

2007    SIG. PIERLUIGI CARTA

2008    SIG. PIERLUIGI CARTA

2009    SIG. PIERLUIGI CARTA

2010    SIG. PIERLUIGI CARTA rieletto al ballottaggio del 13 e 14 giugno col 29% dei suffragi;  insediato l’8 luglio 2010: sfiduciato dal Consiglio Comunale il 23 luglio con 22 voti contro 9; dal 4 agosto 2010 Commissario Regionale dott. ANTONIO GIOVANNI GHIANI  

2011     Dott. LUIGI PERSEU proclamato sindaco il 3 giugno

2012     Dott LUIGI PERSEU dimissionario il 19 novembre 2012

2012    dal 27 novembre Commissario Regonale Dott. ANTONIO GIOVANNI GHIANI

2013     Dott. EMILIO GARIAZZO proclamato sindaco l’11 giugno 2013




[1] ASCI registro 153 carta 101 verso

[2] ASCI registro 716 carta 177
[3] ASCI registro 472 carta 90 verso
[4] ASCI registro 159 carta 218
[5] Morto di peste con gli altri Giurati Julia Pinna, Lleonart Vaca,    Antoni Manca e Antiogo Massilla

[6] Ultimo Capo giurato

[7] Primo Sindaco

[8] Per il triennio 1866-67-68 era stato nominato Sindaco il Cav.   Angelo Nobilioni che ha rinunciato all’incarico.
ott 30, 2008 - Senza categoria    No Comments

Le campane di Iglesias (vedi il post)


Iglesias conta 18 campane, delle quali 13 datate fra il 1222 e il 1660

lug 14, 2008 - miscellanea    5 Comments

Lettera d’amore d’altri tempi

Una volta l’amore era più romantico. Si scrivevano lettere piene di sentimento, mentre oggi i ragazzi si scambiamo enigmatici messaggini con i quali, per dire ti voglio bene, scrivono tvb. Ma che roba è?

Una bellina, non certo copiata dal celebre Segretario galante, è stata recentemente trovata in una vecchia soffitta. Il nome dell’estensore, per la riservatezza, è stato sostituito con altro di fantasia, ma la grammatica e la sintassi, così come i sentimenti espressi, sono quelli veri, reali.

Gent. Sign.

Mi iscuzera si mi azardo a iscriverli me io la volevo trovare sola ma mi e stato imposibile per la quale l’invio la la presente e ispero che lo stesso lei gia e inteligente e capira la situazione io sono un uomo che lamo e mi presento Antioco Nieddu fu Giuseppe che vendo mercato faccio l’ebivendolo a d’estra appena si entra e se viene gia mi vede subito cio i baffi e il vestito e marò e cio gli ochi neri neri; e sono molto alto e se non mi trova chieda agli altri ebivendoli ca gia mi conoscono. Signorina da quando lo vista la prima volta o sentito lamore suo che me cresse nel mio cuore per lei che tanto bella la quale io se non mi vole facio il pazo e anche qualche cosa bruta sono rovinatto senza il mio amore non vivo più per la quale io le chiedo di credere al mio cuore seno e in quatro e quatrotto metiamo la famiglia spero che anche e contenta con tutti i figliolini atorno tutti belli contenti e alegri d’amore dei suoi genitori che si amano tanto o sifumo bene perche faccio buoni afari a mercato specialmente con lo cavolo che se ne vende molto e che aumenta di giorno in giorno e poi a sasari se ne fa buona consumazione per la quale gia guadagna molto e cio aparte per isposare circa duecentomila quasi cioe anche il viagio di noce magari qua vicino. In alora si facia trovare domani matina al mercato perche l’aspeto se altro e non mi faccia aspetare seno come li o detto faccio chualche pazzia e creda i lamo tropo le sara la moglie e il suo marito se lei lo vuole. E bello a si prendere a bracieto tuti due a i spasegio quindi che gia mi la vedo tutta adolorata bella come un fiore tutta misteriosa e profumata per cui io seriamente senza ischerzo prima termino salutandola col mio quore che espeta e espera che lei gia verà al mercato e mi firmo per sempre suo  Antioco Nieddu. Mi cuserà qualche erore perche io non sono istudiato per la quale non fa nulla. Grazie

 

lug 9, 2008 - Senza categoria    No Comments

Istituto Minerario


Il glorioso Istituto Minerario di Iglesias in alcuni particolari

mag 19, 2008 - miscellanea    1 Comment

La vispa Teresa

La vispa Teresa

avea fra l’erbetta

a volo sorpresa

gentil farfalletta,

e tutta giuliva

stringendola viva,

gridava a distesa

“l’ho presa! l’ho presa!”

 

A lei supplicando

l’afflitta gridò:

“vivendo, volando,

che male di fo?

tu si mi fai male

stringendomi l’ale!

deh, lasciami: anch’io

son figlia di Dio!”

 

Confusa, pentita,

Teresa arrossì;

dischiuse le dita

e quella fuggì.

 

Se questa è la storia

che sanno a memoria

i bimbi di un anno,

pochissimi sanno

che cosa le avvenne

quand’era ventenne.

 

Un giorno di festa

la vispa Teresa,

uscendo di chiesa,

si alzava la vesta

per farsi vedere

le calze “chifonne”,

ché a tutte le donne

fa molto piacere.

 

Armando il pittore,

vedendola bella,

le chiese il favore

di far da modella.

Teresa arrossì,

ma disse di si.

 

“Verrete?”  “Verrò:

ma badi, però…”

“Parola d’onore!”

rispose il pittore.

 

Il giorno seguente,

Armando l’artista,

stringendo furente

la nuova conquista,

gridava a distesa:

“T’ho presa! T’ho presa!”

 

A lui supplicando

Teresa gridò:

“Su, su, mi fa male

la spina dorsale:

mi lasci ché anch’io

son figlia di Dio…

se ha qualche programma

ne parli alla mamma…”

 

A tale minaccia

Armando tremò,

dischiuse le braccia…….

ma quella restò!

 

Per circa tre lustri

fu cara a parecchi;

fra giovani e vecchi,

fra oscuri ed illustri

la vespa Teresa

fu presa e ripresa.

Contenta e giuliva

s’offriva e soffriva.

(la donna che s’offre,

si apostrofi l’esse,

ha tutto interesse

a dire che soffre!).

 

Ma giunta ai cinquanta,

con l’anima affranta,

col viso un po’ tinto,

col resto un po’ finto,

per torsi d’impaccio

dai prossimi acciacchi,

apriva uno spaccio

di Sali e Tabacchi.

 

Un giorno un cliente,

chiedendo un toscano,

le porse una mano

così……casualmente.

Teresa la prese,

la strinse e gli chiese:

“Mi vuole sposare?

Farebbe un affare!”

 

Ma lui, di rimando,

rispose: “no, no!…

vivendo e fumando

che male ti fo?”

Confusa e pentita

Teresa arrossì,

dischiuse le dita

e quello fuggì!

 

Ed ora Teresa,

pentita davvero,

non ha che un pensiero:

d’andarsene in chiesa.

Con l’anima stracca,

si siede e tabacca

offrendo al Signore

gli avanzi di un cuore

che batte la fiacca.

 

              Ma, spesso, fissando

con l’occhio smarrito

la polvere gialla

che resta sul dito,

le sembra il detrito

di quella farfalla

che un giorno ghermiva

stringendola viva.

 

Così, come allora,

Teresa risente

la voce innocente

che prega ed implora:

“Deh! lasciami, anch’io

son figlia di Dio!”

 

“Fu proprio un bel caso!”

sospira Teresa

 fiutando la presa

che sale nel naso.

“Se qui non son lesta

mi scappa anche questa!”

 

E fiuta e rifiuta,

tossisce e starnuta:

il naso è una tromba

che squilla e rimbomba,

e pare che l’eco

si butti allo spreco…

 

Tra un fiotto e un rimpianto,

tra un soffio e un etcì:

la vispa Teresa……………

……………………………

Lasciamola lì!   

La vispa Teresa è stata allungata dal poeta Trilussa (Carlo Alberto Salustri) per l’attrice Dina Galli. La quindicesima strofa riporta alla mente il detto sardo donai is pruppas a su diaulu e is ossus a Deus.

 

 

 

    

mag 9, 2008 - Senza categoria    No Comments

Iglesias scomparsa


Luoghi e personaggi di altri tempi

Pagine:12»